sabato 3 febbraio 2018

STARNUTI E GALATEO

Difficile è trattenere uno starnuto. Ma guardiamoci bene dal trasformarlo, per l'ossessione di non farci sentire, in uno sgradevole grugnito. Se starnuto ha da essere, starnuto sia; ma che sia discreto “eccì” e non un’esplosione: “UECCIUM”, da far sobbalzare i presenti. E niente spruzzi di saliva: ci si mette il fazzoletto davanti alla bocca e vi si soffoca dentro il nostro starnuto. A questo punto, una legione di brava gente vi griderà “ Salute! “, credendo di usarvi cortesia e ignorando di infrangere grossolanamente il galateo. Non è infatti elegante, né corretto, né distinto, augurare “Salute!”, o “Salve”, o “Felicità” (chissà perché) a chi starnuta. Gli starnuti non sono che piccoli incidenti e come tali vanno passati sotto silenzio.

Nessun commento:

Posta un commento